mariaelena
rosato

_DSC1731.jpeg

Maria Elena è la mia Dea, una musa ispiratrice che posa il proprio sguardo propiziatorio sul vulcano. Ciò che li lega indissolubilmente, come in uno stretto connubio di intenti, è la “chioma”, espressione terrena di bellezza e sensualità. Quella fluente dei capelli di Maria Elena e quella fumante del vulcano.

HOME 6.jpg

VINIFICAZIONE
Pigia-diraspatura delle uve e immediata macerazione a freddo di mosto e bucce. Separazione, a distanza di qualche ora, del succo e immediata pressatura delle bucce. Il mosto fiore e il primo mosto di pressa, vengono quindi assemblati ed avviati alla sfecciatura statica con il solo ausilio del freddo naturale per raggiungere una adeguata limpidezza. A questo punto viene avviata la fermentazione alcolica, mediante l'inoculo di un piede di lieviti indigeno. Essa si protrae per diversi giorni in vasche di acciaio senza controllo della temperatura.

AFFINAMENTO
Il vino rimane in vasche di acciaio  e sottoposto a batonnage settimanali fino all'imbottigliamento. Rimane in bottiglia per qualche mese prima della commercializzazione.

LONGEVITA'
Ne monitoreremo l'evoluzione nei prossimi anni. 

PRIMA ANNATA
2021

MariaElena_Rosato#3.png

IL VINO

IL PROGETTO

Un vino che deve riflette l’essere donna nelle mille sfumature rosee del suo colore e nei profumi dolci e suadenti del suo corredo aromatico. Abbiamo voluto privilegiare la macerazione pre-fermentativa a freddo per richiamare dalle bucce del nerello mascalese il colore e gli aromi primari unitamente ai precursori d'aroma, di cui il nerello è ricco. Moderato grado alcolico, colore suadente e aromi di fiori rossi, sono le caratteristiche volute. Nelle annate in cui le condizioni climatiche sono piuttosto estreme, è la Natura a decidere. A noi non rimane che assecondarne il volere evitando che il vino prenda strade indesiderate. 
Il vino non subisce filtrazioni nè chiarifiche, pertanto l'eventuale leggero deposito in bottiglia è sinonimo esclusivo di genuinità.

IL VITIGNO

Nerello Mascalese 100%